Kolkata
juta, fabbriche e operai

Nel 2016 l'azienda “Renoir”, cliente che opera nel settore del “wine packaging” e che importa dall'India manufatti in juta, mi incaricò di realizzare un reportage fotografico relativo alla produzione e trasformazione della suddetta fibra tessile.
L'incarico prevedeva un trasferimento a Kolkata, città situata nel nord-est dell'India, importante centro produttivo e commerciale della juta, nella cui zona industriale avevamo programmato di visitare e fotografare la fabbrica di filatura più grande del paese nonché le adiacenti tintorie.
Come fotografo avevo il compito di costruire un racconto funzionale alle esigenze commerciali di “Renoir” tenendo in considerazione le regole della fotografia aziendale, ossia evidenziare l'origine naturale dei prodotti, la loro bellezza nonché robustezza.
Mentre lavoravo a poco a poco mi calavo in quell'universo dove operai, polvere, rumori e macchinari vivevano in simbiosi nel caldo umido, tra le penombre coniugate nei toni dell'oro e del grigio scuro o tra colori sgargianti e i vapori della tintoria.
Forte è nata in me l'esigenza di produrre un reportage parallelo, contiguo al canovaccio lavorativo, che, senza esprimere giudizi, trasmettesse sapori ed emozioni così come apparivano davanti ai miei occhi.